AXESS Acquisition of Key Competences for Economic and Social Sustainability

Educazione per lo sviluppo sostenibile


CSC_1_IT  

 Title
Educazione per lo sviluppo sostenibile

 Keywords
Sviluppo sostenibile, Industria 4.0, Digital Skills

 Author
AIN

 Languages
Italian

 Description
L'obiettivo del corso è fornire informazioni sui modi in cui la crescita economica e il progresso sociale possono andare di pari passo con una piena conservazione dell'ambiente. Nella prima parte definiremo le caratteristiche principali di sviluppo sostenibile. Più avanti discuteremo come lo sviluppo sostenibile possa essere raggiunto in futuro utilizzando esempi molto concreti di comportamento sostenibile dei cittadini pubblicati su Internet.
Sembra che la produzione tecnologica ed intelligente promuoverà lo sviluppo sostenibile. La produzione automatizzata richiede maggiori competenze digitali dei lavoratori. È quindi importante sviluppare e migliorare le competenze digitali utilizzando vari strumenti online.


 Results

1. partecipare allo sviluppo sostenibile del pianeta e costruire comportamenti responsabili e stili di vita sostenibili 2. ottenere informazioni online sul comportamento sostenibile delle persone, ad es. sulla gestione dei rifiuti o sull'impronta di carbonio 3. capire che la maggior parte dei lavori futuri basati sull'automazione richiederà competenze digitali 1. partecipare allo sviluppo sostenibile del pianeta e costruire comportamenti responsabili e stili di vita sostenibili
2. ottenere informazioni online sul comportamento sostenibile delle persone, ad es. sulla gestione dei rifiuti o sull'impronta di carbonio
3. capire che la maggior parte dei lavori futuri basati sull'automazione richiederà competenze digitali


 Contents in bullet points
Unità 1. Chi è responsabile per il pianeta?

- Definizione di sostenibilità
- Educazione per sviluppo sostenibile
- Sviluppo sostenibile Obiettivi

Unità 2: Sostenibilità nella pratica: zero sprechi, impronta di carbonio

- Zero rifiuti (riduzione delle emissioni di GHG per ogni famiglia e nella produzione industriale, ripristino del suolo con compost e aumento della capacità del dissipatore di carbonio, riduzione del GHG e delle emissioni tossiche derivanti dallo smaltimento dei rifiuti. Le soluzioni Zero Rifiuti sono convenienti, accessibili, creano posti di lavoro verdi e rivitalizzano le economie locali)
- Impronta di carbonio
Unità 3. Industria 4.0 e nuovi lavori
- Introduzione
- Rivoluzione industriale
- Industria 4.0
- Internet of Things (IoT)
- Qual è la competenza digitale?
- Cosa può fare DigComp Framework per i cittadini?



 Contents


 

Educazione per lo sviluppo sostenibile



Unità 1. Chi è responsabile per il pianeta? Unità 1. Chi è responsabile per il pianeta?




  

Perché ci dovrebbe interessare lo sviluppo sostenibile?  Perché ci dovrebbe interessare lo sviluppo sostenibile?



Una risposta a questa domanda potrebbe essere trovata nel libro online di Allen Tough “A Message From Future Generations”

Un’ idea da “A Message From the Future Generations”:

„Noi abitiamo giu la valle del tempo; qualsiasi cosa voi gettiate nel corso del fiume arriverà nella nostra era.“

Quando pensiamo alla sostenibilità, dobbiamo pensare globalmente.

Il mondo è uno spazio unico per tutti noi. Negli ultimi decenni, la crescita economica ha aiutato milioni di persone a uscire dalla povertà, ma molto spesso accade a spese dell'ambiente. Le risorse naturali della terra sono state usate senza pensare al futuro.

Possiamo vedere che tutto è interconnesso e che non possiamo affrontare nessuno dei problemi individualmente.

Per mantenere il pianeta sostenibile richiede un approccio comune, questo significa che siamo tutti responsabili per il pianeta.

Esercizio: che dire della situazione nella tua comunità?

Tutti hanno abbastanza cibo e acqua pulita e accesso all'elettricità? Hai un ambiente naturale sano? Si prega di riflettere individualmente.



  

Definizione di sostenibilità  Definizione di sostenibilità



Nel 1987 c'era un rapporto speciale preparato dalla Commissione mondiale per l'ambiente e lo sviluppo delle Nazioni Unite. La Commissione era presieduta dalla signora Gro Harlem Brundtland della Norvegia e divenne nota come relazione Brundtland.

Questo rapporto dice che non possiamo parlare di varie crisi individuali nel mondo, come una crisi ambientale, una crisi energetica o una crisi dello sviluppo, poiché sono tutte interconnesse e fanno parte di un'unica grande crisi globale.

Il rapporto definisce lo sviluppo sostenibile in termini di presente e futuro: "Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni".

Scopri cosa significa sostenibilità, guardando questo video



  

Educazione allo sviluppo sostenibile  Educazione allo sviluppo sostenibile



Il decennio dell'istruzione delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (DESD) nel 2005-2014 ha cercato di mobilitare le risorse educative del mondo per contribuire a creare un futuro più sostenibile. L'obiettivo generale del DESD era integrare i principi, i valori e le pratiche dello sviluppo sostenibile in tutti gli aspetti dell'istruzione e dell'apprendimento. Vedi la pagina http://www.unesco.org/education/tlsf/mods/theme_a/mod01.html?panel=3#top

Esistono molti percorsi verso la sostenibilità (ad esempio agricoltura e silvicoltura sostenibili, trasferimento di ricerca e tecnologia, finanza, produzione e consumo sostenibili). L'educazione è uno di questi percorsi. L'istruzione da sola non può raggiungere un futuro più sostenibile; tuttavia, senza istruzione e apprendimento per lo sviluppo sostenibile, non saremo in grado di raggiungere questo obiettivo.

Educazione per lo sviluppo sostenibile (ESD) include:

Educazione per la cittadinanza
Educazione per la cultura della pace
Eguaglianza di genere e rispetto per i diritti umani
Educazione per la Salute
Educazione per il popolo
Educazione per proteggere e gestire le risorse naturali
Educazione al consumo sostenibile

L'ESD sta diventando un processo multidisciplinare e multisettoriale per imparare a prendere decisioni che considerano il futuro a lungo termine dell'economia, dell'ecologia e dell'equità di tutte le comunità. La maggior parte delle informazioni può essere trovata su internet e le competenze digitali possono aiutare a raggiungerlo.

L'ESD migliora la qualità dell'istruzione e della formazione. L'obiettivo principale dell'ESS è il modo in cui l'istruzione può contribuire allo sviluppo sostenibile e al futuro sostenibile. Senza un'attenzione particolare all'acquisizione dell'alfabetizzazione, della matematica e delle competenze digitali di una qualità sufficiente, è improbabile che le società raggiungano la sostenibilità in un mondo di modernizzazione e globalizzazione.(Based on Education and the Search for a Sustainable Future)



  

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile  Obiettivi di Sviluppo Sostenibile



A settembre 2015 tutti gli stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato gli Obiettivi Globali e si sono impegnati a raggiungerli fino al 2030. Gli Obiettivi Globali e l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile cercano di porre fine alla povertà e alla fame, garantire i diritti umani di tutti, raggiungere l'uguaglianza di genere e l'empowerment di tutte le donne e le ragazze, e assicurare la protezione duratura del pianeta e delle sue risorse naturali. Gli obiettivi globali sono integrati e indivisibili e bilanciano le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: economico, sociale e ambientale.

Qui puoi trovare maggiori informazioni sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile: https://www.un.org/sustainabledevelopment/sustainable-development-goals/



Unità 2. Sostenibilità in pratica Unità 2. Sostenibilità in pratica




  

Obiettivo Zero Rifiuti e le soluzioni per un Economia senza carbone   Obiettivo Zero Rifiuti e le soluzioni per un Economia senza carbone



Le soluzioni per Zero Rifiuti — includono la riduzione degli sprechi, riorganizzazione, compostaggio, biogas, responsabilità estesa dei produttori, modifica alle abitudini di consumo, e riciclaggio che può essere fatto già oggi grazie alle tecnologie esistenti e con risultati immediati.

1. Riduzione delle emissioni di gas serra (GHD) in ogni famiglia.

Quando i materiali di scarto vengono riciclati, forniscono all'industria una fonte alternativa di materie prime da cui possono essere prodotti nuovi prodotti. Le soluzioni Zero Rifiuti riducono quindi le emissioni in tutte le industrie estrattive: estrazione mineraria, silvicoltura, agricoltura e estrazione di petrolio. 

2. Riduzione delle emissioni di gas serra nella linea di produzione. L'energia aggiuntiva e le emissioni associate vengono risparmiate nel processo di produzione, poiché i materiali riciclati generalmente richiedono meno energia per essere reinseriti nei prodotti. Ciò è particolarmente evidente in prodotti come l'alluminio, dove l'utilizzo diretto di energia è ridotto dell'88% da quello necessario per produrre alluminio primario.

3. Ripristino del suolo con compost e aumento della capacità di assorbimento del carbonio.

Il compost dai rifiuti verdi - ovvero dagli scarti di cibo alle vacche da latte - evita le emissioni di metano derivanti dallo smaltimento dei rifiuti. I rifiuti organici separati dalla fonte sono la chiave per produrre un compost di alta qualità per ripristinare la capacità di assorbimento del carbonio dei terreni e soprattutto, contribuisce al ripristino delle condizioni naturali del suolo.

4. Riduzione del GHG e delle emissioni tossiche dallo smaltimento dei rifiuti. Le soluzioni Zero rifiuti inoltre riducono direttamente le emissioni di gas serra e le emissioni di inquinanti tossici dagli impianti di smaltimento dei rifiuti.

5. Le soluzioni Zero rifiuti sono convenienti e accessibili. Il riciclaggio, per esempio, è stato notato come un metodo estremamente economico per ottenere riduzioni delle emissioni.

6. Le soluzioni Zero Rifiuti creano posti di lavoro verdi e rivitalizzano le economie locali. Il settore del riciclaggio, con oltre due milioni di riciclatori informali nelle città dei paesi in via di sviluppo, offre soluzioni urbane intelligenti per sostenere e rafforzare lo sviluppo del sostentamento, migliorare la salute ambientale locale e rafforzare le economie locali.

7. Rinvigorisce e sviluppa le nostre comunità.

Risolvere il problema dei rifiuti e del clima richiede più soluzioni tecniche: le soluzioni zero rifiuti fanno parte di una più ampia rete di decisioni sulla salute, equità, potere, povertà, sviluppo, decisioni politiche e governance che richiedono la partecipazione e l'impegno di tutti. I rifiuti sono un problema di tutti e i programmi di zero rifiuti devono ricevere sostegno anche dai diversi gruppi che altrimenti potrebberonon impegnarsi nelle attività legate al clima.

https://zerorifiutieurope.eu/2015/03/zero-rifiuti-a-key-solution-for-a-low-carbon-economy/#_ftn3

Impronta di carbonio

Sentiamo il termine "impronta di carbonio" tutto il tempo, ma quanto sappiamo veramente del biossido di carbonio e dei suoi effetti sul pianeta? Ecco la grafica per darti i fatti!

Esempi Concreti: https://cotap.org/carbon-emissions-calculator/



Unità 3. Industria 4.0 e i nuovi lavori Unità 3. Industria 4.0 e i nuovi lavori




  

Introduzione   Introduzione



Sappiamo di essere ai margini della rivoluzione tecnologica che influenzerà / cambierà il modo di vivere e la comunicazione delle persone. È visto come un cambiamento fondamentale come nessuno prima. Non sappiamo ancora come si svilupperà, ma una cosa è già chiara: la sua reazione deve essere complessa, dallo stato al settore privato, dalla società accademica alla società civile.

Industria 4.0 è l'etichetta data alla graduale combinazione di pratiche produttive e industriali tradizionali con il mondo sempre più tecnologico che ci circonda. Industria 4.0 non è una nuova tecnologia, né è una disciplina aziendale, ma in realtà un nuovo approccio per ottenere risultati che non erano possibili 10 anni fa grazie ai progressi tecnologici.  



  

Rivoluzione Industriale   Rivoluzione Industriale



La prima rivoluzione industriale ha visto la Gran Bretagna passare dall'agricoltura alla produzione industriale nel 19 ° secolo.

La seconda rivoluzione industriale attraversò il periodo che va dal 1850 alla prima guerra mondiale e iniziò con l'introduzione dell'acciaio, culminata nella prima elettrificazione delle fabbriche e nei primi sbocchi di produzione di massa.

Infine, la terza rivoluzione industriale si riferisce al passaggio dalla tecnologia analogica, meccanica ed elettronica alla tecnologia digitale che si è svolta dalla fine degli anni '50 alla fine degli anni '70.



  

Quarta rivoluzione industriale – Industry 4.0  Quarta rivoluzione industriale – Industry 4.0



è l’avvio verso la digitalizzazione. Industry 4.0 utilizzerà Internet of Things e sistemi cyber-fisici come i sensori che hanno la capacità di raccogliere dati che possono essere utilizzati dai produttori. In secondo luogo, i progressi nei big data e le potenti analisi consentono ai sistemi di navigare attraverso le enormi serie di dati e produrre intuizioni su cui è possibile agire rapidamente. In terzo luogo, l'infrastruttura di comunicazione a supporto è abbastanza sicura da essere utilizzata dalle industrie pesanti.

Le fabbriche intelligenti, che saranno al centro dell’ Industria 4.0, integreranno le tecnologie dell'informazione e della comunicazione per un'evoluzione nella catena di fornitura e nella linea di produzione che porterà ad un livello molto più elevato di automazione e digitalizzazione. Significa che le macchine utilizzano l'auto-ottimizzazione, l'autoconfigurazione e persino l'intelligenza artificiale per completare attività complesse al fine di offrire efficienze di costo notevolmente superiori e beni o servizi di qualità migliore. La domanda sulle competenze digitali dei dipendenti / cittadini crescerà rapidamente.

L'Internet of Things (IoT) è la rete di dispositivi fisici, veicoli, elettrodomestici e altri elementi incorporati con elettronica, software, sensori e connettività che consente a questi oggetti di connettersi e scambiare dati per un'integrazione diretta del mondo fisico in sistemi computerizzati, con conseguente miglioramento dell'efficienza, benefici economici e riduzione degli sforzi umani.

L'IoT comporta l'estensione della connettività Internet oltre i dispositivi standard, come desktop, laptop, smartphone e tablet, a qualsiasi tipo di dispositivi fisici e oggetti quotidiani tradizionalmente non smart o non abilitati a Internet. Integrati con la tecnologia, questi dispositivi possono comunicare e interagire su Internet e possono essere monitorati e controllati a distanza. Sono stati anche creati veicoli senza conducente, l'Internet of Vehicl.e



  

Cos'è la competenza digitale?  Cos'è la competenza digitale?



Diventare digitalmente competenti è il ruolo del 21 ° secolo. La competenza digitale è una competenza trasversale chiave che significa essere in grado di utilizzare le tecnologie digitali in modo critico, collaborativo e creativo.

La competenza digitale chiede alle persone di pensare ad una serie di questioni come la memorizzazione delle informazioni, la protezione dell'identità digitale, lo sviluppo di contenuti e comportamenti digitali online.

La competenza digitale può essere utilizzata in tutti i settori e costituire un supporto chiave per la collaborazione e il lavoro di sviluppo di educatori, formatori, datori di lavoro, organismi professionali e responsabili politici.



  

Cosa fa il DigComp Frameworkper i cittadini?  Cosa fa il DigComp Frameworkper i cittadini?



L'European Digital Competence Framework, noto come DigComp, offre uno strumento per migliorare la competenza digitale dei cittadini. Oggi, essere digitalmente competenti significa che le persone devono avere competenze in tutte le aree DigComp.

Il Digital Competence Framework può aiutare con l'autovalutazione, stabilendo obiettivi di apprendimento, identificando le opportunità di formazione e facilitando la ricerca di lavoro.

Autovalutazione gratuita online

Dall'estate 2015 in poi, il CV Europass include uno strumento online per chi cerca lavoro di autovalutare la propria competenza digitale, descriverlo e includerlo nel proprio Curriculum Vitale (CV). Lo strumento utilizza le cinque aree del framework DigComp con un modulo di autovalutazione facile da usare.



 Bibliography




 Training Fiche PPT:
CSC_1_IT_9.axess_education_for_sustainable_development_ainova_ita.pptx




This project has been funded with support from the European Commission. This web site and its contents reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.